Coworking Urbino al CowoShare!

Cowo Urbino al CowoShare!È stata quella che si dice una giornata memorabile, quella che il nostro team ha vissuto il 30 settembre scorso, sia per quanto abbiamo potuto apprendere all’evento, sia per l’esperienza di gruppo che abbiamo vissuto insieme.

La sveglia, per permetterci di raggiungere Milano in tempo per l’evento, è suonata presto, molto presto. Ma si sa: se si vuole cbe le giornate siano fruttuose, occorre investire tempo ed energia, e quindi… forza!

Il fatto che fosse sabato almeno ha fatto sì che l’impegno non gravasse sull’agenda di lavoro, e grazie alle nostre famiglie, una parte di week-end è stata dedicata a una formazione molto speciale: quella che il nostre Network di riferimento, Rete COWO®, organizza periodicamente.

Si tratta infatti di un “format” evento ricorrente, focalizzato sempre dul Coworking, ma ogni volta declinato su uno specifico tema, i quale viene trattato da più punti di vista da parte dei relatori presenti.

Questa volta la discussione ha affrontato un tema davvero attuale e rilevante: il rapporto tra COWORKING E ISTITUZIONI.

Un evento secondo noi molto attuale perché nel corso di questi anni (noi siamo attivi nel Coworking dal 2014) abbiamo visto numerose istituzioni avvicinarsi all’innovazione rappresentata dal Coworking, in molte forme diverse.Coworking Urbino al CowoShare

Sempre più spesso, infatti, assistiamo a iniziative di istituzioni che aprono spazi di Coworking, di altre che propongono aiuti economici, di altre ancora che avviano progetti sperimentali in campo “Lavoro Agile” e simili).

Si può affermare tranquillamente che sempre più le istituzioni si occupano di Coworking, di nuove modalità del lavoro, di collaborazione e condivisione in ambito professionale.

Certo: non ovunque e non in modo sistemico, ma è indubbio che l’ecosistema è molto vivace, ed in forte evoluzione.

Ecco perché ci sembra il 10° appuntamento nazionale di Rete COWO® Coworking Network, con questo evento, ha proposto il… tema giusto al momento giusto.

Poteva il team di Coworking Urbino mancare a un evento così importante? Certo che no: l’esigenza formativa viene prima di tutto. Inoltre, se vogliamo esseere un punto di riferimento del nostro territorio, è bene essere aggiornati su ciò che si fa nel resto d’Italia.

Da questo punto di vista, non potevamo avere una panoramica più completa.

Davvero straordinario (e intenso!) il programma dell’evento, con partecipazione da tutta Italia sia a livello di iscritti, sia come relatori.

Lo riportiamo sotto per completezza.

Abbiamo condiviso, nel corso di una mattinata, ben 9 relazioni da parte di Amministrazioni Comunali – Milano, Rozzano (Milano), Lissone (Monza), Montepulciano (Siena), Partanna (Trapani) – Università (Università Cattolica e Politecnico di Milano), Ordini professionali (Ordine degli Ingegneri di Verona), Associazioni professionali (Confprofessioni Sardegna).

A nostro avviso, la mattinata è riuscita grazie a vari fattori.

Ci pare utile condividere anche questo aspetto  – diciamo “tecnico-organizzativo” perché anche a questo livello ogni esperienza aiuta a imparare qualcosa.  Ecco quindi i punti di forza del CowoShare, secondo Coworking Urbino 🙂

  1. Validità del tema: come accennavamo, il confronto giusto al momento giusto
  2. Relazioni brevi: non oltre 10 minuti, per permettere al pubblico di intervenire/dialogare “a caldo”
  3. Validità dei relatori: indiscutibile il livello di preparazione
  4. Effettivo coinvolgimento in reali progetti di Coworking: si percepiva in modo tangibile l’approccio realistico e concreto
  5. Pubblico partecipe e coinvolto: come noi, gran parte del pubblico ha un interesse concreto e specifico all’argomento, e si è sentito in termini di attenzione e ascolto attivo
  6. Efficiente organizzazione: fa sempre piacere partecipare a un incontro ben gestito, dove trovano il giusto spazio tutti gli aspetti, compreso il networking
  7. Buona moderazione: sia il fondatore del Network, Massimo Carraro, sia la prof. Ivana Pais – moderatrice della “discussione aperta” finale – hanno saputo mantenere il ritmo dell’evento, bilanciando rispetto dei tempi e spazi per la discussione

Qui sotto il programma, mentre a breve saranno disponibili online tutte le presentazioni che abbiamo visto in sala.

Nel frattempo, una informazione che può essere utile a chiunque esia interessato al tema “Coworking” sotto ogni punto di vista: Rete COWO® Coworking Networkpubblica, da sempre, ogni presentazione/report/studio online; sono quindi disponibili slides e documenti divulgativi in gran numero, in italiano e in inglese, sulla piattaforma SlideShare, canale Cowo®.

Oltre 100 presentazioni dovrebbero tenervi impegnati, mentre vengono preparate per la pubblicazione quelle del CowoShare di Settembre 2017!

  • Antonino Zinnanti
    Vice Sindaco Comune di Partanna (Trapani) e Assessore bilancio efinanze, patrimonio comunale, innovazione tecnologica, servizi demografici, servizi cimiteriali, decoro urbano e servizi alla città, politiche comunitarie – Coworking e Fablab:
    FABLAB + COWORKING SERVIZIO PUBBLICO PER 11.000 ABITANTI: LA SCELTA DEL COMUNE DI PARTANNA (TRAPANI)
  • Franco Rossi
    Assessore Sistema Montepulciano (cultura e ospitalità), valorizzazione brand-Montepulciano,Cooperazione internazionale, Anteprime prodotti di qualità,rapporti con il Consorzio e la Strada del Vino Nobile di Montepulciano – Comune di Montepulciano:
    MONTEPULCIANO (SIENA): IL COWORKING COME PARTE DELL’ECOSISTEMA TURISTICO
  • Stefano Maffei
    Professore Associato School of Design e Direttore Polifactory – Politecnico di Milano
    CRONACHE DA POLIFACTORY, DOVE SI CONDIVIDE LA VITA, IL TALENTO (SPERIMENTALE) E IL FUTURO
  • Giovanni Angioletti
    Consigliere Comunale Comune di Lissone (Monza Brianza):
    TRA SPORTELLO LAVORO E INFORMAGIOVANI, A LISSONE IL COWORKING È PUBBLICO
  • Carlo Reggiani
    Consigliere Ordine degli Ingegneri di Verona e provincia:
    ORDINE PROFESSIONALE E DISORDINE CREATIVO: I 6 ANNI DI COWORKING DEGLI INGEGNERI DI VERONA
  • Paola Cogotti
    Vice Presidente Confprofessioni Regione Sardegna:
    DA REGIONE SARDEGNA UN AIUTO ECONOMICO AL COWORKING, ALLE DONNE, ALL’EQUILIBRIO VITA/LAVORO
  • Fiorella Imprenti
    Assessore Comune di Rozzano alle politiche del lavoro e dello sviluppo economico, innovazione e semplificazione, fondi comunitari, marketing territoriale, pari opportunità e tempi della città, formazione professionale, politiche per la terza età:
    COWORKING TRA COLLETTI BIANCHI E COLLETTI BLU: L’ESPERIENZA DI ROZZANO (MILANO)

    Tajani al CowoShare
  • Ivana Pais
    Professore Associato di Sociologia Economica – Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano:
    FORMAZIONE UNIVERSITARIA E COWORKING: SUCCEDE ALL’UNIVERSITÀ CATTOLIC
    A
  • Cristina Tajani
    Assessore alle politiche del lavoro, attività produttive, commercio e risorse umane – Comune di Milano:
    LAVORO AGILE A MILANO E NON SOLO: PERCHÉ ISTITUZIONI E AZIENDE GUARDANO AL COWORKING
    .
  • DISCUSSIONE APERTA SU “COWORKING E ISTITUZIONI”
    con la moderazione di Ivana Pais

Contatta ora Coworking Urbino

 

1 Comment

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *